0%

I Bidoni

Scritto da - Biagio Fioretti il :


Adv

I BidoniE bidune. Boe galleggianti sparite dopo il colera del 1973. Segnali a mare, a cui ancorare sementi di cozze e farle crescere.
Erano ancorate poco lontano dagli arenili del Lido Azzurro. Erano la misura del farsi omme.
– Uagliù arrivamme e bidune! Era il grido di battaglia del capopopolo, ro capuzziello della banda di scugnizzi.
I panni ancora caldi di pelle e appena abbandonati ‘o Mappatelle.
– Signò ce uardate e panne, pe’ piacere? Tutti a mare, di corsa coi costumi smollati e qualcuno pure in mutandina ascellare.
Arrivare ai bidoni a largo era la prova, l’iniziazione. Se ci arrivavi da solo potevi poi saperti della banda. Nuotare a cap’all’aria e pregando ‘a Maronna bellissima della Neve. Tutti gli altri dalla battigia, a ridere e a schiamazzare.
– Pare nu purpe Bià…
– Statt’accorte c’arrive ‘o squale…
– U marò ma chille affòche…
– Piescetiè, Cape e fierre, tuffateve si no chille affòche o veramente…
Bevevi acqua di mare. ‘o vuccone, con un cavallone traditore, mentre stavi a bocca aperta, prendendo aria. Solo allora, co’ penziere sulamente, ti affidavi a Mammarella.
– Maronna mia bellissima, mamma mije scure e bella, famma arrivà addò tu saje. Num me lassà co’ ranghe inda a cosce. Famme omme, cu sti bidune appisse. Famme sapè ca me vuò bbene e ije te venghe a ringrazià abbasce Annunziata toje.
Gli schiaffi ti svegliavano di soprassalto. ‘Nfuse e chine e rene pure nelle orecchie.
Chi ti pigliava a calci, chi ti calava il costume. Chi rereve e te sfutteve.
E tu ciaccato nell’onore e nella pelle, parive nu range fellone senza chiù e tenaje pe’ ffà male.