Adv

12122840_1689499051283376_990626012884157663_n
Salaria o “Salera” ( spiaggia alle spalle del porto di Torre Annunziata). Foto di G.Kosta

M’e fatte addiventà comm’a ‘nu cerocele,
ca se cunzume ‘nu poche a vote, ogni santa notte.

E’ comme ‘na passione ca me spertose ‘o cereviello,
me mette ‘nzogne ‘ncoppe ‘o core e me dà fuoco.

Ce prove a sta luntane, a ffà finte e durmì comm’a nu cristiano;
po’ m’arriva addore, o prufume e ‘ncienzo prelibbato

e ogni poesia se fa ninnella: sappicce ‘o stuppine e me ne more.

Biagio Fioretti

Biagio Fioretti

Di Biagio Fioretti

Biagio Fioretti nasce a Torre qualche anno fa; era di dicembre e proprio sulla linea di confine tra le due Torre. Manco a dirlo ci fu una gran disputa su chi dovesse trascrivere tanto natale. Vinse il Savoia proprio sulla Turris e tanto fu. L ‘unica certezza sulla quale gli storici concordano, è e fu sulla sua vesuvianità. Scrisse e studió in ragione di quel Vesuvio che amó e odió e ne fece sua dolce ossessione. Vive tuttora e da geologo, continua a sognare le vigne di uva caprettone della sua amara terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.