0%

Per chi suona la campana? (San Giuseppe Vesuviano)

Scritto da - Ferdinando Catapano il :


Adv

Non è solo il titolo di un film, è una storia che si ripete nel tempo, solo che la campana questa volta è un recipiente di modeste dimensioni a forma di campana con due fori opposti, sulla parte superiore, nella quale vanno inserite le bottiglie di vetro vuote, vasetti per alimenti, bicchieri e piccoli oggetti di vetro. Ora, premesso che, per chi ancora non lo sapesse il corretto uso della campana in relazione al ciclo di raccolta e recupero del vetro passa per le seguenti fasi: – I contenitori di vetro usati vengono conferiti dalle famiglie, dal commercio e dalla ristorazione nelle campane o ritirati attraverso appositi servizi di raccolta porta a porta. –  Affinché il vetro raccolto possa essere riciclato in vetreria è necessario sottoporlo a un’operazione di selezione presso un impianto di trattamento specializzato. – Dopo il trattamento, il vetro viene trasportato nell’impianto di produzione (vetreria) dove viene fuso e diventa un nuovo contenitore. – Finita questa fase, l’imballaggio di vetro viene portato negli impianti di imbottigliamento e rivenduto presso la rete distributiva dei negozi e quindi comprato dai consumatori che danno nuovamente inizio al ciclo di recupero.

20160217_123359La campana nella foto è quella di via Scopari nel Comune di San Giuseppe Vesuviano e non è l’unica, ce ne sono anche altre nelle stesse condizioni sul territorio comunale. Avvicinandoci alla campana si è constatato: 1) la stessa è posta giusto al centro del marciappiede ed è di evidente ostacolo ai pedoni costretti ad aggirarla per quanto possibile senza doversi ritrovare sulla sede stradale. 2) la campana emette un suono gradevole di vetro che si frantuma quando al suo interno, infili i vetri attraverso le apposite bocche, ma stai attento però, che essendo quest’ultime prive delle protezioni di gomma “regolamentari” possono restituirti qualche scheggia di vetro sul viso o se ti va meglio qualche schizzo di liquido putrescente. 3) Al suolo e sulle pareti della campana un unguento puzzolente ne rende orribilmente sgradevole l’uso. 4) Ai piedi della campana e tutt’intorno oltre a cocci di vetro taglienti e pericolosi, ci trovi altri tipi di rifuti lasciati da chi ancora ha nostalgia dei vecchi cassonetti della spazzatura, materassi, gomme per auto, vecchie tv, lastre di cristalli vecchie e lesionate, insomma una vera e propria isola di munnezza indifferenziata. Qualche volta sono così tante le buste di plastica piene di bottiglie, lasciate ai piedi della campana che chi deve infilare correttamente i vuoti all’interno, non ha alcuna possibilità di farlo.

Ora ci si chiede: ma di chi è la colpa se una campana del vetro è utilizzata in questo modo? All’istante quasi tutti pensano che la colpa sia esclusivamente delle persone incivili, non svuotano bene le bottiglie, lasciando percolare i residui liquidi all’interno della campana, oppure, colpite da quel male nostalgico legato ai vecchi cassonetti della spazzatura indifferenziata, scambiano le campane per quei casssonetti illegali. In realtà è vero, ma è pur vero che se ti rechi in un luogo per smaltire il vetro e lo trovi sporco e puzzolente tanto da non riuscire neanche ad avvicinarti per paura di sporcarti, o nell’ipotesi peggiore devi tenere il viso protetto per non ferirti con le schegge o altro, ti senti incentivato ad aumentarne il degrado. E allora, carissima Amministrazione e Impresa addetta allo smaltimento dei rifiuti, va benissimo prendere e multare chi utilizza questi recipienti per abbandonare ingombranti e rifiuti di diversa natura, ma diamo prima noi l’esempio tenendo in ordine i luoghi delle campane, in altre città gli automezzi che prelevano i rifiuti sono dotati di idropulitrici, adoperate con solventi dopo il prelievo. Senza dubbio la pulizia dei recipienti spetta a chi li svuota, così come la manutenzione, inoltre, per gli esercizi pubblici che devono smaltire notevoli quantità di vuoti, dotiamoli di appositi recipienti vicino all’esercizio da prelevare con una maggiore frequenza. Insomma rendiamo divertente e piacevole la raccolta del vetro, un buon gesto è sicuramente un incoraggiamento per tutti.