Adv

12047055_1692938110939470_6476506314574743267_nChiove, schezzechea
scenne doce a se fa lagne,
porte sule chell’addòre
ciate ‘e terra, ‘e purgatorio.

Chiove
fine fine, a me me pare,
tène mille gocce ‘e vierne
ie me tenghe ‘o ‘mbrell’apierto
pe scanzà o fridd’e ‘a freva.

Chiove
beneritte chi la manne,
chi se sape ca cumanne
e ddà o’ bbene e tutte quante.

Biagio Fioretti

Di Biagio Fioretti

Biagio Fioretti nasce a Torre qualche anno fa; era di dicembre e proprio sulla linea di confine tra le due Torre. Manco a dirlo ci fu una gran disputa su chi dovesse trascrivere tanto natale. Vinse il Savoia proprio sulla Turris e tanto fu. L ‘unica certezza sulla quale gli storici concordano, è e fu sulla sua vesuvianità. Scrisse e studió in ragione di quel Vesuvio che amó e odió e ne fece sua dolce ossessione. Vive tuttora e da geologo, continua a sognare le vigne di uva caprettone della sua amara terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.