0%

‘E panini napulitan!

Scritto da - Carla Formisano il :


Cucina

Adv

12239930_10205511581411250_4273164267932679364_nA Napoli non abbiamo solo pizza, sfogliatelle e babà… ma abbiamo anche una squisitezza che si è meritata l’attributo di napoletano.
Perché solo a Napoli, quando si cucina, come si suol dire, “amma scassà”… nel senso che più il piatto o la pietanza è calorica e meglio è!!!
Con questo freddo, poi, ingurgitare un panino del genere ci fa nu poc piglià calor!
Ideali per feste, per cena, per aperitivo e per sfizio… i panini napoletani sono una prelibatezza.
Il procedimento è alquanto semplice, ma occorre partire con tre ore di anticipo, in quanto la pasta deve lievitare due volte.
Innanzitutto, prepariamo il panetto.
Mescoliamo un uovo, 15 Gr di zucchero, mezzo cubetto di lievito, 125 Gr di latte, 35 Gr di sugna (se dobbiamo scatenare l ‘inferno, meglio farlo a dovere), sale e 330 Gr di farina.
Mettiamo a lievitare il composto. Dopo un ‘oretta e mezza stendiamo il composto e lo farciamo con misto per casatiello (pezzi di salumi e formaggi).
Arrotoliamo il composto e ne facciamo tanti piccoli pezzi, che verranno disposti nella teglia abbastanza distanziati l’uno dall’altro.
I panini verranno messi a lievitare per un’altra oretta, poi spennellati con latte ed infornati per 30 minuti a 180 gradi.
Appena sfornati, andranno coperti con strofinacci in modo che non perdano la morbidezza (ringrazio per questo suggerimento la mia amica Rosaria).
I panini napulitan so’ pront, buon appetit!!!

Carla Formisano