0%

Il Natale quando arriva, arriva

Scritto da - Redazione il :


Adv

nataleCi siamo quasi, stiamo per festeggiare di nuovo il Natale. Questa festa che cade il 25 dicembre perché la chiesa festeggia la nascita di Gesù è una delle feste religiose più belle perché come da copione siamo tutti più buoni, ci scambiamo tanti regali, mangiamo tante cose buone, si fanno tanti giochi, i bambini leggono la loro letterina e tante altre bellissime cose che rendono speciale questa giornata. Quindi secondo me dovrebbe essere Natale tutti i giorni cosi da essere tutti più felici e soddisfatti. Uhm strano, ma non riesco ad essere cosi entusiasta nonostante tutto quello che ho scritto fino ad ora. Andiamo un po’ per ordine: il Natale è una festa religiosa che festeggia la nascita di Gesù… falso. Il Natale è una festa pagana, infatti il primo riferimento al Natale che segnò il 25 dicembre viene dal 2° secolo dopo la nascita di Gesù (anche questa non certa) in concomitanza dei Saturnali Romani che erano una festa per il raccolto che segnava il solstizio d’inverno il ritorno del sole ed onorava Saturno che era il dio degli agricoltori. Comunque al di là del fatto se è una festa religiosa o no l’importante è che siamo tutti più buoni. Ma siamo sicuri che siamo tutti più buoni? Sì, ma con noi stessi perché ci compriamo regali e ne facciamo ai nostri parenti, ma gli altri le persone che non hanno nulla, che sono ammalate, che sono in guerra, che non hanno una famiglia? Ah non vi preoccupate che a loro ci pensa qualcun altro, mica ci possiamo rovinare la festa? Però mangiamo tante cose buone. Sì è vero mangiamo tante cose buone, così tante che la maggior parte delle volte dobbiamo svuotare il nostro stomaco in modo non del tutto appropriato rischiando pure di rimanerci secchi, mentre c’è invece chi non mangerà proprio niente in una giornata così “benefica”. Sì, si gioca e ci si diverte, ma non sempre si vince ed oltretutto si sta svegli tanto di quel tempo che l’indomani non si riesce a stare svegli. Sì però come è bello quando si legge la letterina di Natale, così toccante sincera e… dispendiosa, specie se si hanno molti figli. E basta, ma che vuoi fare vuoi rovinarci la nostra festa più bella, così coreografica, così dispendiosa, così stancante, così pericolosa, così… natalizia. No, smettila di dire scempiaggini, il Natale è bello e non c’è niente che va male, sei tu che sei particolare, sei tu che sei fuori dal mondo, sei tu che sei arrabbiato e perciò vuoi fare il possibile per rovinarlo a tutti. Può essere, anzi di sicuro sono arrabbiato, sono arrabbiato perché non riusciamo a vedere che questo mondo è fatto solo per quelli che hanno la disponibilità economica, la sicurezza di un lavoro, una famiglia, una salute di ferro e l’età giusta per non pensare ad altro, ma è inutile continuare con il mio pessimismo, anche perché il Natale quando arriva… arriva e non possiamo fare altro che continuare a prenderci in giro e dire che va tutto bene signora la marchesa. Buon Natale a tutti. E mò ven… Natale!

Geppi Pizza