0%

Il Sindaco di Amatrice ospite di Radiochip

Scritto da - Luigi Vitiello il :


Adv

Adv


Radiochip, la radio fuori dal nido, voce parlante della community web Aucelluzzo, continua nel suo percorso di informazione a 360 gradi attraverso i suoi talk-radio, divenuti ormai un piacevole ed immancabile appuntamento per gli affezionati ascoltatori. Nelle trasmissioni vengono discusse ed analizzate le più svariate tematiche : sociali, politiche, culturali, sportive e tante altre ancora, sempre con l’ausilio ed il supporto di ospiti scelti appositamente per l’occasione. “Ogni maledetta domenica” è la trasmissione condotta la Luigi Vitiello, Gennaro Liguoro e Giuseppe Monile ogni lunedì sera sul sito www.radiochip.it dalle ore 20:30. Il programma si occupa prevalentemente di calcio e di tifoserie ed ha come scopo principale quello di far emergere il lato sommerso e mai evidenziato legato alle tante attività sociali messe in campo dalle tifoserie organizzate. Nelle puntate precedenti abbiamo saputo di tifosi che organizzano collette per la caritas, per i paesi colpiti dal terremoto, altri tifosi si prodigano di assistere gli anziani, altri ancora organizzano doposcuola gratuiti per bambini bisognosi e tante altre sono le attività svolte prevalentemente nei territori di appartenenza.
Da non perdere assolutamente la prossima puntata di lunedì (12 Giugno) con 2 ospiti davvero importanti. Apriremo la puntata con Antonio Dell’Oglio, ex calciatore, ora allenatore, rimasto nel cuore della tifoseria corallina per le 2 stagioni alla Turris e con quasi 200 presenze in serie A con le maglie di Ascoli e Fiorentina.
Chiuderemo con un ospite d’eccezione: avremo il piacere di avere con noi, in diretta telefonica, il Sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, col quale parleremo della situazione post terremoto nei paesi colpiti dal sisma. Ci faremo raccontare della grande solidarietà ricevuta da tanti gruppi ultras italiani e della sua esperienza vissuta in curva insieme a loro.
Appuntamento a lunedì prossimo dalle ore 20:30 su www.radiochip.it.