0%

Je Suis…

Scritto da - Redazione il :


Adv

12208598_10208694144815590_1720664093392364369_nOgni volta che accade una cosa come quella capitata venerdi 13 novembre 2015 ci sentiamo tutti più vicini e solidarizziamo tra noi perchè sicuramente ci dispiace quando muoiono esseri umani,ma anche perchè nasce un senso di insicurezza che ci porta ad unirci agli altri per renderlo meno evidente.Detto questo però vorrei capire se il fatto che i media rilancino una notizia più volte al giorno rende più tragico il fatto o meno.Mi spiego meglio.Nel mondo ogni giorno muoiono tantissime persone,di fame,di guerra,di malattie,di solitudine,di incidenti e di tante altre cose,ma noi se non ci bombardano più volte al giorno dai media non lo sappiamo e perciò non ce ne interessiamo,quindi per portare l’attenzione su determinati accadimenti i media decidono di”martellarti” con continui messaggi e video per attirare la tua attenzione.A questo punto mi sorge spontanea una domanda”ma cosa rende una morte più importante di un’altra”?Forse il numero di morti?Forse la cruenza e l’efferatezza del gesto?Forse il luogo dove accade?Forse il giorno particolare?Mah dopo tutte queste domande mi rendo conto che nessuna di queste soddisfa la mia curiosità,perchè nel mondo accadono una miriade di fatti analoghi alle domande poste sopra,ma effettivamente vengono presentati solo alcuni fatti e non altri.La domanda che ne scaturisce allora è:quindi sono i media che decidono quello che devi sapere?Si in effetti tutto quello che sappiamo ce lo dicono i media e dai media sappiamo tutto quello che loro decidono di farci sapere,nel modo che più interessa a loro.In Francia a Parigi sono morte tantissime persone innocenti,ma purtroppo non sapremo mai qual è stata la vera causa di quello che è accaduto perchè i media ci diranno una verità parziale che si soffermerà su alcuni punti,ma che sorvolerà su altri,perchè chi gestisce il”carrozzone”ha interesse a farti sapere quello che a lui conviene di più e non tutta la verità.Piena solidarietà alle vittime ed alle loro famiglie.

Geppi Pizza