0%

Judo: argento in Romania e pass per i campionati europei under 18

Scritto da - Redazione il :


Sport

Adv

Judo Nadia SimeoliE… ricomincio da tre! Così diceva il grande napoletano Troisi, e ricomincia proprio da tre la Tigre di Torre del Greco, Nadia Simeoli che a Cluj Napoca, nel cuore della terra dei vampiri in Transilvania strappa il suo terzo risultato utile che le vale il pass per la finale dei Campionati Europei, che si disputeranno in Finlandia a Vantaa dall’1 al 3 luglio.
Senza alcun timore ha disputato la tappa Rumena del world cadet tour, organizzato dall’International Judo Federation (IJF), dimostrando a tutti coloro che avevano ancora dei dubbi che la più forte è lei. Nelle tre gare disputate ha collezionato tre successi importanti: oro in Spagna, bronzo a Follonica e per finire Argento a Cluj Napoca. Questi tre successi le hanno permesso di scalare velocemente il ranking mondiale e posizionarsi nelle posizioni di vertice fino a raggiungere l’attuale 8° posto in classifica generale. Un percorso che ha strabiliato tutti, soprattutto per il modo con cui è avvenuto, a suon di ippon.
Anche nella Sport Halle “Horia Demian” lo spettacolo che ha offerto Nadia è stato di altissimo livello. Un susseguirsi di ippon. Prima con la slovena Stragar, waza-ari di morote-seoi-nage poi bloccaggio e successivo ippon in totale 33 secondi di incontro. Poi è toccata alla connazionale Toniolo sottostare allo strapotere della napoletana: ippon di morote-seoi-nage dopo 51 secondi. In semifinale l’ucraina Antipina, cade nel vuoto con un ippon di tani-otoshi in 36 secondi. Nella finale affrontata in modo superficiale, forse perché appagata del risultato raggiunto, cede il passo alla fortissima ma non imbattibile croata Babic. È argento, importante e prestigioso, conferma di una forma strabiliante.
Dall’inizio dell’anno in tutte le competizioni in cui ha partecipato è sempre salita sul podio. Un segnale chiaro per gli osservatori che per l’ultima prova prima del ritiro di preparazione per l’europeo, l’hanno selezionata nella rappresentativa italiana che si ritroverà a Coimbra, in Portogallo.

Sebastiano Simeoli