0%

Judo: Simeoli Nadia supera tutte le aspettative

Scritto da - Redazione il :


Sport

Adv

Judo

Si è svolta nelle giornate di sabato 9 e domenica 10 aprile la 34^ edizione dell’European Cup Junior Tarcento, che ha visto scendere in gara sui tatami del Ge-Tur di Lignano Sabbiadoro quasi 500 atleti provenienti da 26 nazioni, tra le nazioni presenti figuravano la nazionale Argentina e la fortissima nazionale Brasiliana che alla fine conquisterà il più alto numero di medaglie. La tappa valevole per la selezione per il Campionato Europeo Under 21 in programma il 16 settembre a Malaga. La Simeoli, classe 1999 (ancora sedicenne e under 18), ha preso parte alla competizione con obiettivo di salire sul podio. Le sue parole pre-gara erano: “dopo la sconfitta ad Atene, la mia voglia di riscatto è molto alta, stavolta voglio il podio a tutti i costi”. Di fatto la tappa italiana del tour IJF era molto più difficile di quella della tappa precedente svoltasi ad Atene, la presenza di alcune atlete del calibro delle Croate Obradovic medagliate agli europei e mondiali dello scorso anno, dell’Inglese Awiti campionessa inglese 2016, l’argentina Cellerino e le brasiliane medagliate ai campionati panamericani rendevano questo appuntamento di altissimo livello quasi proibitivo per la Campionessa Torrese, ma Nadia non si scoraggia, non teme nessuna avversaria, sa di avere le carte per poter puntare alla medaglia anch’essa è tra le atlete di punta della competizione risulta testa di serie n°4, è concentratissima orma tutto è pronto. Il peso il sabato sera è stato perfetto, la domenica, è tra le prime a combattere. Il sorteggio la opposta al primo incontro alla Svizzera Carina Hildbrand. Nadia si porta subito in vantaggio facendola sanzionare due volte per poi mettere a segno uno yuko. Alla Svizzera non piace molto l’idea di perdere, recupera il punteggio, ma non gli è sufficiente alla fine è costretta a cedere il passo per una sanzione. Al secondo incontro la Simeoli trova una sua vecchia conoscenza, la romana Chiara Cacchione. La connazionale subito passa all’attacco, ma Nadia la costringe a subire e a prendere una sanzione, si porta in vantaggio; dopo un minuto di combattimento la romana attacca ma il suo attacco non è efficiente, Nadia ne approfitta e gli applica una leva al braccio e la costringe alla resa. Siamo ai quarti di finale, la Simeoli sa che è un incontro importante, se riesce a superarli si ritrova sicuramente in una finale. Ha difronte la polacca Barbara Kulik, atleta esperta che vanta già diverse partecipazioni ad europei e mondiali. La Simeoli parte senza timore riverenziale e la pressa cerca la soluzione non dandogli tregua fino a concludere con un ippon a dieci secondi dalla fine. Nadia e in semifinale, opposta alla fortissima brasiliana Yanka Pascoalino, che al secondo turno aveva eliminato la testa di serie n°1, una delle favorite alla vittoria finale, l’inglese Awiti. Inizia l’incontro senza timore è verso la metà si porta in vantaggio di Waza-ari. La brasiliana non riesce a recuperare e cede il passo permettendo a Nadia di vivere l’emozione di una finale per l’oro. In finale trova un’altra conoscenza la marchigiana Elena Pedaletti. Le due si conoscono benissimo e scontrano con il massimo rispetto, non si risparmiano dando vita ad un incontro bellissimo al cardiopalma, con alternanza di supremazia. Passa in vantaggio la Pedaletti di shido, poi Nadia recupera e finisce in parità alla fine dei 4 minuti regolamentari, si va al Golden-Score. La migliore condizione atletica di Nadia fa la differenza, dopo quasi un minuto la sua avversaria viene sanzionata per non combattività, questa sanzione permette a Nadia di salire sul gradino più alto del podio e godersi l’inno di Mameli, unico della giornata. “Oggi, non me lo sarei mai aspettato questo risultato, magari il prossimo anno, non da cadetta” spiega Nadia in un intervista. Poi conclude poi dicendo “sogno le olimpiadi ma per quest’anno spero di fare un buon piazzamento all’europeo Cadetti e perché no una convocazione a quello junior”. I genitori emozionati la abbracciano, piangono. Un super risultato visto che Nadia era la più piccola della competizione. Il prossimo appuntamento è per i campionati italiani junior che si svolgeranno a Catania il 23 e 24 aprile.

Sebastiano Simeoli