0%

La bonifica del Cantariello non è più un miraggio (Casoria)

Scritto da - Redazione il :


Adv

La bonifica del Cantariello non è più un miraggio (Casoria) (1)Ci sono voluti 15 anni di ritardi, proteste e polemiche ma ora la bonifica del Cantariello, l’area a ridosso degli ipermercati Ikea e Leroy Merlin e della multisala cinematografica Uci Cinemas, non è più un miraggio.

C’è voluto tutto l’ardore dei cittadini, la caparbietà delle associazioni ambientaliste prima di arrivare ad un risultato atteso da anni da chi ha subito problemi e disagi ambientali infiniti che alla fine sono diventati comuni per migliaia di persone di un vasto segmento dell’area a nord di Napoli.

Ora tutto è destinato ad appartenere fortunatamente ai ricordi.

Finalmente il sito è stato bonificato, il governo ha ammesso la sua responsabilità e pagato le operazioni di Bonifica che inevitabilmente ha comportato un costo elevato ripercuotendosi sulla collettività.

Restano molti dubbi, bisogna controllare che tutto sia tornato come prima, compresa l’anomala radioattività dei suoli, anche limitrofi alla Cantariello, denunciata dallo stesso Sindaco Carfora.

Infine la battaglia più difficile: far valere il principio del “chi inquina paga”  e non addebitare alla collettività come e ‘stato il costo esoso di questa bonifica ci chiediamo quindi che fine farà l’area in cui rigogliosa cresceva erba sui rifiuti?

Dopo la bonifica ritornerà nelle mani del privato, proprietario del sito di stoccaggio rifiuti che doveva essere solo temporaneo e così non è stato, riconosciuto colpevole da una sentenza della magistratura per aver inquinato?

Per ora non ci è dato sapere, attenderemo con interesse gli sviluppi di questa storia a “lieto fine”.

Riceviamo e pubblichiamo…