0%

Non lasciamo solo chi denuncia, siamo tutti Salvatore Castelluccio (Napoli)

Scritto da - Redazione il :


Attualità

Adv

salvatore castelluccioSalvatore Castelluccio ha 45 anni, è napoletano, è un parrucchiere.
In 15 anni di sacrifici, Salvatore era riuscito a costruirsi una carriera ed era arrivato a gestire 12 persone in due diversi saloni a Napoli, aveva tutti i dipendenti inquadrati, pagava i contributi, faceva la bella vita.. poi sono arrivati loro! Un anno e mezzo fa la camorra è andata a bussare prepotentemente alla porta di Salvatore, dapprima con semplici richieste per lotterie fasulle, poi con l’obbligo di assunzione di una ragazza scelta da loro, successivamente con parenti del boss che andavano a farsi i capelli senza mai pagare; infine, arrivando a chiedere 2000 euro a serranda al mese.
Salvatore non ci ha pensato due volte, ha fatto quello che per lui era la cosa più naturale in quel momento, è andato a denunciare! In meno di 24 ore la sua denuncia ha cambiato 15 anni della sua vita. Delle quattro persone che avevano fatto estorsione nei suoi confronti, ne sono state arrestate due. Subito dopo la questura di Napoli ha deciso di mettere sotto scorta Salvatore a seguito delle minacce che gli sono state fatte recapitare, stava per cominciare la sua vera battaglia!
Denunciare un fatto così grave dovrebbe essere prassi, purtroppo però, dopo questo gesto, Salvatore si è visto diminuire la clientela del 40% subito. I suoi sacrifici, i suoi saloni, i suoi dipendenti e i suoi sogni stavano cominciando a sgretolarsi e lo ha portato a prendere delle decisioni difficili. Uno dei saloni lo ha chiuso, chiudendolo ha dovuto licenziare 6 dipendenti. Purtroppo non è bastato, sono cominciate le minacce da parte dei parenti del boss arrestato, la gente è diminuita sempre di più. Poi siamo arrivati noi. Abbiamo conosciuto Salvatore l’anno scorso, dopo che associazioni antiracket e le iene erano stati da lui per una manifestazione di solidarietà, volevamo fare altrettanto, ma confrontandoci con lui, ci siamo resi conto che a Salvatore occorreva “lavorare” . Che alla domanda: “si, ma io da semplice cittadino cosa posso fare”? avremmo dovuto rispondere con un gesto concreto! Fu così che abbiamo pensato a “DIAMO UN TAGLIO ALLE MAFIE”.
Lavorando principalmente in Emilia Romagna, noi di IOLOTTO abbiamo ideato “diamo un taglio alle mafie” tra le zone del Bolognese e Modenese. Il progetto consiste nel far conoscere la storia di Salvatore innanzitutto, trovare un parrucchiere disposto ad ospitarlo nel suo salone, pubblicizzare la cosa per far arrivare più clienti possibili, farlo lavorare e ovviamente, fargli avere il guadagno del suo lavoro. Sembra facilissimo, invece è stato molto difficile, però siamo riusciti in questa impresa molte volte da aprile fino al mese scorso. 7 sono stati i parrucchieri che si sono messi in gioco con Salvatore e noi, tantissime sono state le persone che sono venute a tagliarsi i capelli. Per un po’ Salvatore ha tirato un sospiro di sollievo, ma purtroppo non è bastato, serviva un gesto ancora più concreto! Così abbiamo pensato di rivolgerci al sindaco De Magistris, che ieri sera, grazie al nostro amico Ciro Corona presidente della cooperativa (R)esistenza, ha rivisto Salvatore e ha preso pubblicamente posizione nei suoi confronti. Quando una persona come Salvatore fa un gesto tanto grande, ha bisogno di essere appoggiato e non abbandonato, perché oggi Salvatore è al limite! Dei 12 dipendenti ne sono rimaste due, nonostante la fine delle ferie estive il suo salone è sempre vuoto. Non possiamo permettere di darla vinta a chi ha portato Salvatore a denunciare, non dobbiamo permettere che chiuda e perda la sua battaglia, perché questa non è solo la sua battaglia ma è di tutti noi.
Andate a farvi un giro a largo ecce omo, troverete Pianeta Donna che affaccia sulla piazzetta, nel cuore di una Napoli in cerca di riscatto, vi aprirà le porte un uomo combattente ma stanco che nonostante tutto vi accoglierà con il suo miglior sorriso, avrete un trattamento da uno dei migliori parrucchieri che ci sia!
Non lasciamo solo chi denuncia, siamo tutti Salvatore Castelluccio.

Chiara Manna

14249144_10208579882108891_660147206_n