0%

L’elenco dei fondi comunali stanziati per gli eventi natalizi 2015, ma il tempo stringe (Torre del Greco)

Scritto da - Giacomo Mennella il :


Adv

da vesuviolive.it

da vesuviolive.it

Probabilmente questa è la settimana della svolta per l’agognato cartellone degli eventi natalizi patrocinati sia moralmente che economicamente dal Comune di Torre del Greco anche perché ci avviciniamo inesorabilmente al Natale e il tempo per definirli è praticamente agli sgoccioli. Indicativamente, questo è quanto previsto dal bilancio e già stanziato per il Natale 2015: allestimento floreale del centro cittadino con spesa di circa 54.000 euro; organizzazione di una notte bianca con stanziamento di circa 30.000 euro; sempre nel capitolo di bilancio dedicato troviamo circa 190.000 euro generico per manifestazioni ed eventi a tema natalizio; poi si passa alle luminarie che tra centro e periferia sono costate circa 100.000 euro; la mostra di antiquariato organizzata presso la tendo struttura La Salle costata circa 30.000 euro ed in fine l’evento più costoso, vale a dire l’organizzazione della festa dedicata al riscatto baronale costato in fondi regionali 140.000 euro (più 60.000 euro per il rifacimento del portale di Villa Macrina).
Questa è la lista della spesa che avrebbe un unico scopo, quello di ridare nuova linfa in un periodo dell’anno fondamentale per il commercio cittadino, momento in cui si concentrano tutti gli sforzi del mondo commerciale per riequilibrare conti ed attrarre quanti più turisti possibili in città. 604.000 euro è una somma importante che a questo punto ci attendiamo possa al più presto trovare nella parte residua degli stanziamenti una collocazione quanto più attinente ed utile alle attività produttive cittadine, sperando che questo ritardo accumulato nell’organizzazione non infici la buona riuscita degli eventi e l’utilità degli stessi. Resta discutibile e perfettibile l’abitudine tutta torrese degli amministratori comunali, senza alcuna distinzione di colore politico viste anche le precedenti esperienze, di badare alle attività produttive solo ed esclusivamente nel periodo natalizio, modalità che non conferisce uno sviluppo strutturato del settore ma serve solo a tamponare momentaneamente un problema senza ricercarne in profondità le soluzioni.
Vi aggiorneremo appena possibile sullo sviluppo della vicenda, restate sintonizzati su aucelluzzo.it.