0%

L’Intelligenza umana: i costruttori e i manipolatori

Scritto da - Licia Ruggiero il :


Adv

Cervello-neuroni-1024x768Lo psicologo americano Howard Gardner ha elaborato la teoria delle intelligenze multiple, in sintesi ha affermato che in ogni persona convivono diversi tipi di intelligenza relativamente interdipendenti tra di loro.
Alcune intelligenze sono più spiccate delle altre e quindi vengono fuori i talenti e le abilità in determinati settori; ecco perchè ognuno di noi è più portato verso alcune cose e meno verso altre. Teoria che mi ha affascinata subito e che ho abbracciato insieme alle teorie di una altro grande, Bruner. Infatti mi sono sempre rifiutata di pensare che ci sono persone più intelligenti e altre di meno e credo che un educatore debba fare tutto il possibile per trarre il meglio dai suoi allievi facendo leva sulle sue predisposizioni e potenzialità.
Ci sono però persone che hanno molte intelligenze sviluppate particolarmente e allora ci rendiamo conto che sono “speciali”, hanno quel qualcosa in più che li distingue dalla massa. Quello che però li distingue tra loro è il modo in cui usano questo potenziale.
Io li distinguo in due tipi: i “costruttori” e i “manipolatori”. I costruttori sono socievoli, sinceri, sinceri a volte anche spietatamente schietti ma incapaci di fare del male e di agire nell’illegalità, abbracciano grandi ideali e si prodigano disinteressatamente per gli altri. Queste persone si distinguono già da piccoli anche per la loro spiccata sensibilità che a volte li porta a essere un pò insofferenti e passionali. Poi ci sono i manipolatori che volgarmente definiamo “paraculi” sono egoisti, cinici, programmatori e usano le loro potenzialità per accrescere le loro ricchezze e per esaudire i loro capricci ignorando totalmente i bisogni di chi li circonda. Per loro esistono solo i loro bisogni e le loro personali esigenze e usano le loro capacità per manipolare le persone più deboli del loro nucleo familiare. Sono bravissimi a usare i sensi di colpa per piegare i deboli alla loro volontà e fargli fare quello che vogliono senza che essi se ne rendano conto nella maggior parte dei casi. I costruttori li individuano fin da subito e i manipolatori lo sanno bene indirizzando fin dall’inizio la loro perfidia per allontanarli dalla loro ristretta cerchia di servitori specialmente se si rendono conto che chi deve servire a loro si avvicina troppo a un costruttore che loro reputano pericolosissimo perchè in grado di smascherarli.
E’ una mia teoria personalissima ma elaborata a seguito di anni di esperienze con bambini e adulti. La condivido con voi perchè mi auguro che possa contribuire anche in minima parte ad acquisire più consapevolezza sulle persone che ci circondano intervenendo nei modi più opportuni se ci rendiamo conto che una persona a noi vicina si comporta da manipolatore. Si può fare tanto per indirizzare le potenzialità dei nostri piccoli verso il bene, la scuola dovrebbe servire a creare i costruttori della società futura. Stiamo attenti e aiutiamo i nostri figli a non diventare dei mostri di egoismo e di cinismo senza valori e ideali, protesi solo a coltivare i propri limitati interessi.