0%

Via Maresca, nuova invasione di strisce blu (Torre del Greco)

Scritto da - Giacomo Mennella il :


Attualità

Adv

Via MarescaNon dobbiamo abituarci a questa logica del subire sempre in silenzio, perché le cose cambiano se cominciamo ad acquisire consapevolezza civica, perché i cittadini devono quanto meno influenzare le decisioni. Stiamo parlando dell’invasione delle strisce blu nel perimetro a questo punto dell’intera città, perché non si può più parlare di solo centro cittadino e zona dello shopping, in quanto oramai zone periferiche e residenziali sono nel mirino di chi decide e oggi toccherà a Via Maresca lato alto, perché il lato basso della strada dall’incrocio con via Aldo Moro, già era stata completamente invasa da stalli a pagamento svariati anni or sono, nonostante la mancanza di un vero marciapiede, condizione che costringe i cittadini a camminare sulla carreggiata della strada. C’eravamo già chiesti come fosse possibile che una ditta, ex Urbania, con bando scaduto ad agosto esercitasse ancora il servizio di riscossione, domanda alla quale a questo punto possiamo tranquillamente dare una risposta: si tratta di mera volontà politica. Non è rimasto più nulla dietro cui trincerarsi, i vertici politici e di conseguenza chi decide, sta dando il benestare all’invasione degli stalli a pagamento in tutta la città, legittimando a questo punto un sistema di riscossione che non tiene più conto delle logiche geografiche e di distribuzione della popolazione sul territorio, con la sola volontà di raggiungere tutti i cittadini indistintamente. A questo punto decade anche la tesi del recupero degli stalli persi nel centro cittadino dove è inibita la sosta a pagamento dopo i lavori di rifacimento ancora in corso del progetto Più Europa, perché con le nuove zone individuate ma soprattutto le vecchie già adibite per la sosta a pagamento e ritornate tali via Cesare Battisti e C.so Vittorio Emanuele su tutte, non c’è conteggio che tenga, stalli nuovi e stalli vecchi recuperati saranno nettamente superiori sia numericamente che per spazio occupato. La zona vesuviana durante il periodo natalizi appena trascorso, era anche stata positivamente interessata dall’apertura di un parcheggio a ridosso dello stadio comunale Amerigo Liguori che durante il periodo in questione era servito da fondamentale valvola di sfogo per la sosta delle autovetture, parcheggio che ad oggi resta chiuso, arrecando ulteriore danno agli abitanti della zona.