0%

Mascalzone latino per sempre

Scritto da - Redazione il :


Musica

Adv

12208561_10205435022457324_8955534356579436641_nForse perché sono napoletana, forse perché ha accompagnato tutta la mia vita, forse perché Pino Daniele è Pino Daniele, l’uomo in blues, il nero a metà, il cantante di una Napoli che non è solo tarantelle, babà, sfugliatelle e “‘o sole mio”, ma è mille sfaccettature, mille colori, mille voci.
“Mascalzone latino” (1989) è a mio avviso, il disco più bello.
Il disco in cui Napoli viene raccontata nelle sue tradizioni, nelle sue viscere, nel suo modo di pensare.
Il disco comincia con la meravigliosa “Anna verrà”, pezzo dedicato alla grande Magnani, al desiderio del suo ritorno, il tutto incorniciato dalle parole mare e sole, le parole chiave dell’artista.
Segue poi “Faccia gialla”.
“Faccia gialla”, San Gennaro al quale, forse, si vuole chiedere il perché delle tante ingiustizie della vita… “n’ copp o sang ra povera gente nu’ guardan ‘n faccia a niente”.
Ingiustizie della vita ed anche indifferenza vengono sottolineate anche in “‘a speranza è semp ‘a sola”… “a gente ‘o ssaie che se ne fotte chi è vivo è vivo… chi è muort è muort”.
In “carte e cartuscelle” e “ammore scumbinato” c ‘è l ‘amore. L’ammor scumbinato tropp arripizzato, l ‘ammor ca nun ‘a sunnat cchiu’tant è cose ‘e niente…
“O merican”, il mito della Napoli del dopoguerra che per tanti anni c’a fatt campà, ma il mito per l’americano è proprio Napoli…
“Aria strana”, la malinconia della domenica pomeriggio, quella pseudo contentezza tra ddoje partit e ddoje resat.
La risata…
La risata con cui Pino chiude il disco in “Sambaaccussì”, quella risata sentita migliaia di volte a consumarne i dischi, quella risata che mi fa pensare che Pino sia sempre qui con me, con noi, con Napoli!

Carla Formisano