0%

Mo ‘ ven Natale!

Scritto da - Redazione il :


Adv

12348165_10205571941840223_6419113027731531166_n
Eh ! Ci siamo quasi!
Il Natale è ormai alle porte ed ogni cosa che ci circonda parla del tanto atteso evento.
Tralasciando luminarie, alberi, presepi, “‘a recettata ‘e casa” (la casa deve essere pulita in ogni angolo per l’accoglienza di queste sante feste), voglio parlare delle tradizioni culinarie che interessano il nostro paese.
Perché Natale vuol dire provviste, cibo, magnà,”amm scassà” e chi più ne ha, più ne metta.
Passeggiando per i mercati rionali è tutta una festa di colori, ma, soprattutto di odori e profumi.
Sera antivigilia.
A Napoli e paesi limitrofi durante la notte che precede la tanto attesa vigilia, si è soliti passeggiare per i sopracitati mercatini.
È la festa del pesce: sui banchi fanno bella mostra purp, calamar, secce, (pa’ ‘anzalat), astici, aragoste, frutte ‘e mar da mangiare crudi o cotti (nu’ bello soute’ s’adda fa’), triglie merluzzelle (‘a fritturella), e’ capiton che sguazzano felici nelle vasche, ‘o baccalà.
O’ baccalà che s’adda metter ‘a bagno tre giorni prima, altrimenti è salato e c’ ‘ndussicamm.
Dal banco del pesce si passa al banco delle olive e sottaceti…
Eh sì! Perché prima di strafare, abbiamo bisogno ra’ ‘nzalata ‘e rinforzo…
Papaccielle, sottaceti, olive verdi, ‘e mulignane sott ‘uogl preparate a fine agosto che le mani a furia di strizzarle ci fanno ancora male…
Al banco frutta poi e’ una festa, una sorta di cromoterapia…
L’arancio giallo degli agrumi, il rosso re’ ceppe ‘e pummarole appese (vanto della nostra terra), il verde ra ‘cimma ‘e vruoccolo, re’scarole, ra’ cicoria, ro ‘virzo… gli ingredienti pe’ fa’ ‘a menesta ‘e santo Stefano (dopo due giorni, occorre depurarsi).
La bellezza dell’ananas che viene usata come suppellettile o centro tavola.
Poi la frutta secca… noci, nucelle, nucelline, castagne ro’ prevet, fiche secche e latter.
Infine, ed è proprio il caso, “dulcis in fundo”… i dolci.
I dolci, l’arte dei maestri pasticceri, di cui la nostra città deve andare fiera sempre!
‘E rococò (a Torre del Greco vengono chiamati “susamiell”), e ‘mustaccioli, i frutti di pasta di mandorle (piccole opere d’arte), ‘e raffaioli, e’ paste e’ mandorle, i panettoni artigianali.
Che magia di colori…
Che magia di suoni, di vociiii…
Che magia di odori…..
Carla Formisano