0%

Monumento delle Cento Fontane ancora in evidente stato di abbandono (Torre del Greco)

Scritto da - Giacomo Mennella il :


Adv

Cento fontaneConfidavamo nel fatto che dopo le polemiche di alcuni mesi fa sulla gestione dell’area delle Cento Fontane da parte dell’associazione che ne deteneva la concessione e il Comune di Torre del Greco, le cose si sarebbero stabilizzate con una gestione tesa a garantire quantomeno l’ordinaria amministrazione dell’area, ma nostro malgrado constatiamo che ad oggi ciò non è mai avvenuto, con il sito in evidente stato di degrado e abbandono. Le Cento Fontane, come si vede dalle foto sotto riportate, evidenziano forti segnali di incuria che chiaramente il passare del tempo sta acuendo: il monumento è oramai completamente imbrattato da scritte e sfregi che restituiscono l’impressione di una struttura abbandonata e in avanzato decadimento; alcune zone circostanti e del giardino attiguo, o per meglio dire di ciò che ne resta, sono state recintate con grate di ferro al fine di evitare che qualcuno camminando liberamente possa inciampare e cadere su dossi o malformazioni della pavimentazione; inoltre è presente materiale di risulta sparso alla rinfusa ed in parte accatastato, con cavi e parti in acciaio abbandonate lungo tutto il perimetro del monumento. Viste le condizioni in cui versa il monumento che resta comunque ancora in funzione, il timore è che gli agenti esogeni, quali le condizioni meteorologiche, abbinate agli atti vandalici che il sito subisce per la scarsa sorveglianza dello stesso, possano causare danni ingenti di successiva e difficile sistemazione, considerando la scarsità dei fondi che il Comune mette a disposizione per l’ordinaria amministrazione, situazione che rende complicato ipotizzare interventi straordinari ed a costi nettamente superiori da parte dell’ente. La concessione che prevede la gestione, indi compreso la pulizia e la salvaguardia dei luoghi esiste ed è ben individuabile, quindi a questo punto bisogna capire quale parte dell’ingranaggio è in corto circuito per provvedere immediatamente a ripristinare almeno l’ordinaria gestione dell’area e restituire ai cittadini uno dei monumenti simbolo della città. A volte basta guardarsi intorno per trovare soluzioni sostenibili e molto più semplici da implementare, senza dover per forza abbattere qualcosa o stravolgere completamente un luogo e la sua cultura, anzi in questo caso una riqualificaIone dei luoghi potrebbe solo rafforzare l’identità e l’appartenenza ad un luogo storico, simbolo dei tempi andati, ma che potrebbe rinascere per divenire nuovamente il fulcro della tradizione e della cultura popolare torrese.