0%

N.C.I.S. Los Sangiuseppe Vesuviano – 1° Episodio

Scritto da - Ferdinando Catapano il :


Adv

N.c.i.s. Los San Giuseppe Vesuviano è da giorni impegnata nel nostro comune, seguita a puntate quotidiane dai cittadini curiosi e amanti del giallo. Di fatto continua l’indagine dei corpi di polizia e Digos nel Comune di San Giuseppe Vesuviano, in seguito al rinvenimento nell’ufficio del Sindaco Avv. Vincenzo Catapano, di una cimice spia. Da quanto appreso su diversi quotidiani locali, giorni fa il Sindaco fissando una lampada d’emergenza posta nella parete del suo ufficio si è accorto della presenza nel corpo illuminante di un oggetto anomalo, oltre che ad alcune impronte sospette sulla superficie della stessa, che ne lasciavano “presupporre” la manomissione. Lo stesso, insospettito nell’avvicinarsi all’oggetto ha notato subito qualcosa di strano ed ha prontamente allertato le forze dell’ordine. Stupore e costernazione nello staff del Sindaco, mentre i dubbi continuano a  pervadere l’intera casa Comunale. Da quanto tempo era lì la cimice? Cosa avrà registrato? Ha soltanto registrato l’audio oppure ha anche registrato foto e video? Ma i dubbi prevalenti sono: chi ha osato spiare l’ufficio del Sindaco e che cosa ha registrato quella cimice? Chi mai avrà osato tanto? Di certo si sa che l’ufficio del primo cittadino è una camera inviolabile, come lo potrebbe essere lo studio ovale della casa bianca.
studio_obama Infatti, lo studio del primo cittadino è il luogo più “importante” della Casa Comunale, lì si riuniscono gli amministratori con il Sindaco per discutere in privato delle scelte politiche e importanti del paese. Quindi più che l’importanza del luogo pubblico, assume un’importanza strategica, proprio in virtù del fatto, che in esso si decidono le sorti dei cittadini.
Ora, se è vero che la stanza è accessibile da due ingressi di cui uno chiuso da tempo e quasi mai utilizzato, mentre l’altro principale, raggiungibile solo passando davanti la segreteria presieduta costantemente dagli stretti collaboratori, è anch’esso chiuso con una porta blindata le cui chiavi le ha solo il primo cittadino, come hannno fatto a posizionare con tutta tranquillità la cimice nell’ufficio? Le indagini si complicano anche per la cattiva sorte del servizio di videosorveglianza posto all’interno della casa comunale, che al momento del misfatto si vocifera era in avaria è quindi molto probabilmente non potrà restituire le registrazioni. Ma il giallo continua sia dentro che fuori la casa Comunale, sospetti sul personale, su una possibile indagine della magistratura in un Comune sciolto per ben due volte per infiltrazione camorristica, su figure politiche di opposizione, ma sopratutto dall’opinione pubblica che ha sete di verità. Una suspance che tiene tutti con il fiato sospeso e sta mettendo a dura prova il personale del comune. A questo punto visto il grande coinvolgimento e l’attuale silenzio degli inquirenti, seguiremo anche noi la vicenda tenendovi aggiornati sugli sviluppi. Nel frattempo l’appello che rivolgiamo spontaneo è: per favore,  N.C.I.S. dicci la verità! E fai ridiscendere la serenità su San Giuseppe Vesuviano!