Adv

12316543_10205536927804894_6586545359268607453_n“… E’ fernisce tutto accussi’? E no, no, non può finì accussiì! … È overo, Vincenzi’? Io ti aspetto sempre, lo sai, no? Dint’ ‘o vico, miez’ a piazzetta, da ‘o friggitore addo’ c’ jeven a mangia’ ‘e pizzelle, ‘o Luna Park,’ o tirassegno…
Ti ricuorde quanno vulive sape’ ‘a me che facevo se tu morivi? Io te dicette… Chello che facciaria ‘o sacc’io… E invece non lo so. Tu mo’ ‘o ssai, e non m’o può dì…
Ultime battute della commedia eduardiana “De Pretore Vincenzo”.
È di poco fa la notizia che Luca De Filippo non c ‘è più ed io lo immagino come De Pretore Vincenzo che sogna di avviarsi in Paradiso.
Napoli, la bella Napoli, la Napoli culturale perde un altro figlio e perde il figlio di quel teatro apparentemente comico, ma così vero, sottile, reale e ricco di concetti quotidiani ed universali insieme.
Con Luca sembrava di vedere il suo papà, con Luca si vedeva un figlio ed un padre normale… “Si è formato con la gavetta!”
Queste furono le parole di Eduardo citando suo figlio.
Cia’ Nennillo… è bell ‘o presepio, è bella la tua Napoli!

Carla Formisano

Avatar

Di Redazione

Siamo una community web che fa informazione senza filtri, le nostre news saranno arricchite da testimonianze provenienti direttamente dai territori. Il nostro progetto prevede, infatti, la collaborazione di tanti gruppi territoriali: i cosiddetti "nidi dell’informazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.