0%

Napoli perde un altro figlio

Scritto da - Redazione il :


Adv

12316543_10205536927804894_6586545359268607453_n“… E’ fernisce tutto accussi’? E no, no, non può finì accussiì! … È overo, Vincenzi’? Io ti aspetto sempre, lo sai, no? Dint’ ‘o vico, miez’ a piazzetta, da ‘o friggitore addo’ c’ jeven a mangia’ ‘e pizzelle, ‘o Luna Park,’ o tirassegno…
Ti ricuorde quanno vulive sape’ ‘a me che facevo se tu morivi? Io te dicette… Chello che facciaria ‘o sacc’io… E invece non lo so. Tu mo’ ‘o ssai, e non m’o può dì…
Ultime battute della commedia eduardiana “De Pretore Vincenzo”.
È di poco fa la notizia che Luca De Filippo non c ‘è più ed io lo immagino come De Pretore Vincenzo che sogna di avviarsi in Paradiso.
Napoli, la bella Napoli, la Napoli culturale perde un altro figlio e perde il figlio di quel teatro apparentemente comico, ma così vero, sottile, reale e ricco di concetti quotidiani ed universali insieme.
Con Luca sembrava di vedere il suo papà, con Luca si vedeva un figlio ed un padre normale… “Si è formato con la gavetta!”
Queste furono le parole di Eduardo citando suo figlio.
Cia’ Nennillo… è bell ‘o presepio, è bella la tua Napoli!

Carla Formisano