0%

NU’ TENGHE FESTA

Scritto da - Biagio Fioretti il :


Adv

 

NU’ TENGHE FESTAMi fai le “ciance”, mi chiami pure “tesoro mio”. Dici che sono “la vita tua e che senza me, il rosso cuore non lo avresti mai saputo”.
Ti ho creduto, da fidanzata e pure dopo gli anni coi figli appresso. Poi sei cambiato o forse hai solo tirato fuori quello che sei, il tuo te stesso.
Allucchi e stai sempre sfasteriuso. Non ti si può dire nulla che ti giri dall’altra parte. Sei diventato cecato: non vedi neppure che mi sono fatta bionda.
Mi vuoi bene? Eppure una volta mi dicevi un altro verbo? Mi so’ scurdate com’era, come si diceva. M’arricordo che aveva come un apostrofo tra due parole.
Che me ne devo fare di te, dimmelo per favore. Due estranei, due sconosciuti che dividono lo stesso letto. Dividono, per modo di dire. Io me ne sto sempre ponta ponta.
Ammore? Tu fusse ammore mije? Senza ‘nu sguardo, senza sapè ‘o nomme mije. A volte mi chiami perfino Nanninella e poi dici subito: Pardon, volevo dire Assunta!
Non me ne importa cchiù si tiene ‘a cummare. Io la compiango. Per le malepatenze che conoscerà.
Si nu fosse pe’ sti figlie, ti lascerai senza rimpianti.
Si nu fosse ca nu fatiche, di notte me ne andrei, senza dirti neppure: Statte Bbuone!
Sto ccà, comm’a nu piezze e legno.
– Auguri donna Assù oggi è a festa toje, m’allucche ‘a vicine e vasce.
– Donna Titì, io nu’ tenghe festa. Nu so chiù niente: manco m’arricordo si so fèmmene ancora.