0%

Paestum da imbufalirsi

Scritto da - Pamela Sangiovanni il :


Cucina

Adv

12038973_10206195921275277_7763171598660212679_oQuando le giornate sono soleggiate e miti, uno dei posti che preferisco per una gita all’aria aperta è Paestum, dove la vita è a misura d’uomo e si possono apprezzare le cose semplici della vita, che in città sono state sommerse dal cemento: il caseificio Rivabianca che ti mette a disposizione panche e tavoli per mangiare i suoi prodotti a km 0 (anzi, a m 0! ), il gelato o budino con latte di bufala da Vannulo per una merenda sana, una sorgente (presso il ristorante “Le trabe”) con tanto prato attorno e una folta famiglia di papere dove far giocare i bambini e far respirare loro un po’ di aria buona, godersi lo spettacolo del parapendio dal monte del Granato, e se resta del tempo, un salto alla zona archeologica dei templi, dove, tra l’altro, fino a domenica 10 ottobre si terrà il raduno annuale delle mongolfiere.
Al ritorno guardi il colorito e l’espressione di sana stanchezza dei tuoi figli, e pensi che forse sarebbe quello il solo modo per crescerli in modo sano.
Una delle cose da fare assolutamente è acquistare i prodotti locali da portare a casa. In genere, oltre ai budini e gli yogurt al latte di bufala di Vannulo, da Rivabianca (ma credo sia possibile anche altrove), facciamo scorta di fettine di bufalo in confezioni sottovuoto (pare che la carne di bufalo sia quasi priva di colesterolo e contenga molto ferro!), da preparare secondo una ricetta cilentana da leccarsi i baffi, ovvero straccetti di bufala su letto di patate con sbriciolata di mozzarella, ovviamente di bufala. Ricetta semplice ma di effetto.
Occorrono patate, fettine scelte di bufalo, mozzarella di bufala, rucola, cipolla, prezzemolo, olio e.v.o., sale.
In una padella molto larga far rosolare con l’olio la cipolla, dopodiché disporre le patate tagliate a fette sottili (circa 2mm) e lasciarle cuocere col coperchio senza stufarle.
In un’altra padella rosolare altra cipolla, dopodiché aggiungere la carne tagliata a “straccetti” (striscioline di meno di 1 cm) e farla rosolare fino alla cottura.
Salare sia le patate che la carne, aggiungere prezzemolo tritato fresco e comporre il piatto, disponendo alla base le patate, sopra cui andrà adagiata la carne, guarnire con dadini di mozzarella di bufala e rucola.
È un piatto abbastanza sostanzioso, per goderne appieno vi consiglio di utilizzarlo come piatto unico, e se proprio non vi siete saziati, per dessert un budino di bufala non ve lo toglie nessuno!