0%

Parco Loffredo (Bottazzi), oggi l’attesissima firma della nuova convenzione (Torre del Greco)

Scritto da - Giacomo Mennella il :


Adv

da ilroma.net

da ilroma.net

Come annunciato dal Sindaco Ciro Borriello a metà febbraio, oggi 21 marzo 2016 il Comune torna al tavolo delle trattative con l’Asl Na 3 nella persona del commissario Antonietta Costantini, per discutere e formalizzare la nuova convenzione che nel giro di pochi giorni potrebbe riportare alla riapertura del Parco Loffredo (Bottazzi). La oramai triste storia del parco ce la ricordiamo tutti, senza alcun preavviso e lasciando tutti di stucco nel mese di giugno dell’anno passato, le porte del parco vennero serrate con decorrenza immediata per la scadenza della convenzione che regolava i diritti e i doveri dei due enti coinvolti nella cessione del suolo (l’Asl Na 3) e di chi ne doveva gestire manutenzione ordinaria e sorveglianza (il Comune di Torre del Greco), i due soggetti che in mancanza di un accordo, decisero di sospendere e rimandare il problema, lasciando però il parco chiuso a danno di tutti i cittadini che giornalmente ne usufruivano in quanto unico polmone verde del centro cittadino. Come preannunciato però dal Sindaco di Torre del Greco Ciro Borriello, circola in rete un video di un’intervista rilasciata ad una testa giornalista locale dove c’è l’annuncio della data precisa di stipula della nuova convenzione, sembra questione di giorni la riconsegna ai cittadini di uno spazio vitale per giovani, bambini e anziani, luogo di svago e tempo libero ma sopratutto salubre e lontano dal trambusto del centro città. Speriamo di festeggiare quanto prima la riapertura definitiva del parco, confidando a questo punto anche in una gestione relativa alla pulizia e manutenzione dello stesso più attenta, considerando che già da diversi mesi prima della definitiva chiusura il parco versava in condizioni di pulizia e manutenzione davvero scarse, e che solo grazie a gruppi di volontari veniva rimesso a lucido e ripulito con buona frequenza per permettere una fruizione dello stesso quanto più dignitosa e sicura.