0%

Piazza Santa Croce rimettiamola davvero al centro della polis (Torre Del Greco)

Scritto da - Giacomo Mennella il :


Adv

tmp_23444-2015-11-16 17.34.28266354205Se ne sono dette di tutti i colori e soprattutto ognuno se la racconta e se la rigira a modo suo. Stiamo parlando degli accadimenti in zona P.zza S. Croce che negli ultimi giorni hanno ridato risalto ad una delle aree con memoria storica e più significative del centro antico di Torre del Greco: prima l’installazione delle nuove fioriere al centro della piazza; poi le immagini della polizia municipale che assiste senza intervenire alla consueta partita di calcio dei ragazzi; infine le multe elevate dalla polizia municipale durante diffusi controlli sia ai veicoli in sosta selvaggia che ai trasgressori dei segnali stradali inerenti la viabilità della zona effettuati la settimana passata. Il teatro di quella che è la festa cittadina per partecipazione e storia più sentita di Torre del Greco, l’Immacolata e quel suo 8 dicembre che fa da preludio alle festività natalizie, è al centro di un dibattito sulla reale destinazione della zona e soprattutto sullo stato effettivo dei luoghi e sull’utilizzo che ne viene fatto dai cittadini, su tutti i ragazzi, e dagli automobilisti di passaggio che spesso non brillano per senso civico e contravvengono alle basilari regole di viabilità. I controlli servono per arginare momentaneamente il problema, ma di sicuro interventi strutturati e continuativi sono quelli di cui avrebbe bisogno la piazza, soprattutto se si considera che nell’antichità le piazze erano considerate i luoghi di incontro culturale e fondamentali per gli scambi economici, un vero e proprio microcosmo dove gli abitanti di una città si riversavano per partecipare attivamente alla vita sociale e civica del luogo, sempre con grande rispetto per gli spazi comuni e con il massimo dell’educazione e della diligenza nel conservare perfettamente i luoghi interessati. Piazza S. Croce potrebbe diventare il nuovo fulcro della polis per tutti i cittadini torresi, un focal point per le istituzioni amministrative cittadine, dove ascoltare i bisogni e dare la possibilità di partecipare attivamente alle decisioni che interessano la città, basterebbero poche e semplici idee utili ad organizzare eventi per coinvolgere i ragazzi della zona non permettendo più che i giovani siano costretti ad organizzarsi in autonomia per la cronica mancanza di spazi pubblici a loro dedicati, con serio rischio per i passanti e per loro stessi che potrebbero incorrere in infortuni o causare danni a terzi. I segnali sono chiari e indicano una sempre maggiore determinazione nel condividere fisicamente e con le idee gli spazi, ora sta a chi di divere trovare la formula giusta per permettere che questi spazi ritornino ad essere centrali nella vita del cittadino, e questo vale tanto per i ragazzi quanto per gli adulti.