0%

Pomigliano: emerge il problema sicurezza… e il Sindaco?

Scritto da - Redazione il :


Adv

88307-800x552

da rete.comuni-italiani.it

Pomigliano cambia volto, cambia essenza ed identità. Da ridente cittadina industriale, oggi assistiamo inermi alla crisi lavorativa che colpisce i nostri cittadini e con essa, il conseguente declino delle attività commerciali e la chiusura inevitabile di queste.
Ormai quotidianamente gli organi di stampa chiacchierano sulla situazione d’incertezza che qui si vive, analizzando un’escalation di violenza, che sembra aumentare sempre più.
Risalgono al 6 agosto, due rapine a mano armata, fatte in meno di 5 minuti, a danno dell’edicola di via Nazionale delle Puglie e di un imprenditore che sostava in un bar;
il 29 agosto , nella vicinissima Castello di Cisterna, due rapinatori, ora in arresto, uccidono in un noto supermercato, l’ucraino Anatolij Korol, uscito con la figlia a fare spesa; poco dopo, cinque malviventi armati e su due scooter, rapinano una tabaccheria in via Mauro Leone, fermando la titolare e sottraendole 7.000 euro.
Di pochi giorni fa è la notizia che ha destato più sgomento tra i cittadini: al cimitero “vecchio” in via Abate Felice Toscano, decine di tombe sono state profanate solo per sottrarne i porta fiori metallici, lastre spaccate e vandalizzate in modo tale da rendere visibili le bare ed i corpi delle persone che lì giacciono. Alcuni sepolcri sono stati scoperchiati, portando alla luce le ossa ed i resti umani custoditi all’interno. Lo scopo del furto pare sia ottenere quanto più ottone e rame, utilizzato per la costruzione di acquasantiere, vasi e pomelli attaccati ai loculi.
Ma l’amministrazione cosa fa? Dov’è? In queste ore si sta svolgendo il consiglio comunale, dove l’opposizione rappresentata da De Falco, Busiello, Esposito e Cioffi, presenterà diverse proposte e segnalazioni raccolte dai cittadini. Intanto, il vicepresidente della Camera, Di Maio, ha già interrogato il ministro dell’interno Alfano, sulla difficile situazione, chiedendo sistemi di videosorveglianza e forze dell’ordine sul territorio, sperando in un futuro migliore!

Angela Ronga