0%

Rubrica – A volo a volo – Inter brutta, sparagnina, cinica? E’ sul “mazz scassat”

Scritto da - Nicola Liguoro il :


Sport

Adv

A VOLO A VOLO

 

Campionato serie A – 12^ giornata
(Riflessioni semiserie sul calcio)

Brutta, cinica, sparagnina, letale: sono i giudizi sull’Inter di questo inizio campionato. Per me è “mazz scassat” e per questo motivo vinceranno lo scudetto. E’ scritto, è così, fidatevi. Vinceranno il campionato segnando 21 goal in tutto, uno per ogni uomo della rosa compreso il portiere, che segnerà mentre esce dall’area per spazzare una palla sfuggita a un fuorigioco riuscito male e il tiro, spinto dal vento, finirà alle spalle del portiere avversario e vinceranno l’ennesima partita per uno a zero.
Quando vinci tante partite, tutte per un gollettino di scarto e gli avversari prendono pali e traverse o fanno il tiro a bersaglio a cogliere Handanovic, allora vuol dire che gli dei del pallone sono dalla tua parte.

In attesa che gli dei rinsaviscono, consoliamoci a veder giocare la Roma, che pur rubacchiando un rigore inesistente, riesce a dare una prova di solidità davvero impressionante anche quando manca di due o tre giocatori titolari, non lasciando scampo a una Lazio che sta evaporando domenica dopo domenica.
E poi la Viola e il nostro Napoli, belli come il sole, giocate da far vedere agli allievi delle scuole calcio, spumeggianti e divertenti come non si vedeva da un po di tempo. Al 55esimo di Napoli Udinese c’è stata l’azione più bella della stagione, che se Higuain fa gol, possono prendere il video e mostrarlo a tutti i calciatori uso doposcuola.
Al netto delle “fortune” nerazzurre, dopo quello che si è visto in queste prime dodici giornate, sarebbero le tre squadre più meritevoli di fregiarsi del tricolore sulla maglia.

La novità della giornata è stata che il Napoli non ha servito la solita guantiera di babà ai malcapitati avversari e quindi la striminzita vittoria per uno a zero ha fatto subito parlare i soloni di calo atletico e di primo segnale negativo. A noi ci è sembrato il solito Napoli, spettacolare in avanti e ben protetto in difesa.
Napoli – Udinese si può riassumere così:
Higuain in stato di grazia gioca a biliardo, Koulibaly gioca a pallamano e diffidato, trova il modo più ignorante per farsi squalificare ed evitare di andare a prendersi insulti razziali a Verona.
Dopo sei partite Reina si sporca i guanti e l’Udinese è rimasta vicina a Di Natale, a Udine.
Adesso c’è la sosta, ma non per noi: mister tienili sulla corda che chi si ferma è perduto e poi alla ripresa c’è il Verona, una piccola questione in sospeso per noi …

Il resto della giornata ci ha raccontato del solito incostante Milan che va in altalena e dopo alcune prove convincenti si fa schiacciare in casa dall’Atalanta, dei soliti aiutini arbitrali ai non colorati con la maglia a strisce, di un Sassuolo incredibilmente consolidatosi al quinto posto e di Verona e Carpi che salvo miracoli sembrano già in serie B.

Premio Top Player 12^ giornata: Higuain
Premio Quaresma per il peggiore in campo: De Sciglio del Milan
Premio “C’ho più mazzo dell’Inter”: Blanchard del Frosinone
Premio “Siamo una coppia di fatto”: Lorenzo & Marquez (non c’entra niente con il calcio ma mi piaceva)