0%

Rubrica – A volo a volo – Perfino Albiol fa la sua figura tanto che sembra di rivedere Rudy Krol!

Scritto da - Nicola Liguoro il :


Sport

Adv

A VOLO A VOLO

 

Campionato serie A – 8^ giornata
(Riflessioni semiserie sul calcio)

C’è da dire prima di ogni altra cosa che quest’anno non ci stiamo annoiando. Il campionato è divertente ed è tutto da decidere e poi ….. se me lo permettete, quest’anno c’è anche il Napoli che se la può giocare. Sta la a tre punti dalla capolista che è proprio la Fiorentina battuta al S.Paolo, due punti sotto Inter e Roma e a pari merito col Sassuolo.
Bella squadra la Viola, grandi palleggiatori in campo che per i primi 20 minuti la palla al Napoli non l’hanno fatta vedere grazie a un pressing feroce che a chi di partite ne ha viste giocare (e giocate) molte, è parso insostenibile per tutta la partita. Infatti appena sono calati si è cominciato a vedere quello che quest’anno nel Napoli sta facendo la differenza: L’intensità del gesto atletico.
Tradotto a pane e puparuoli? Corrono come dannati per 95 minuti. Jorginho e Hamsik sembrano due nuovi acquisti, nulla a che vedere con i due “uagliuncielli della spesa” che l’anno scorso venivano mandati in campo dal “Salumiere di Madrid”.
Con una condizione atletica a mille perfino Raoul Albiol fa la sua figura tanto che sembra di rivedere Rudy Krol …. Sto esagerann eh? Ok, sembra di rivedere Renica ….. ancora esagerato? OK, sembra Giubilato, va bene così?
E comunque ci piace assai questo Napoli e ci piace assai mister Sarri perché è “nu grand faticator”.
Si vede che lavora duro, da operaio del pallone, sembra un Mazzarri con mooolta più organizzazione. Sì perché la cosa bella è che “nun corron a vacant” ma ognuno sa cosa deve fare con ritmo e intensità. Se poi in squadra hai anche qualcuno che se piglia “à cunferenz c’ò pallone” come Pipita e Lorenzinho, allora ti levi anche le soddisfazioni.
Bene, le quattro grandi incontrate le abbiamo distrutte, adesso l’esame di maturità è domenica con il Chievo, vediamo di non buttare altri punti, avanti Napoli.

Due righe di commento anche sul derby d’Italia (del Nord), uno scialbo Inter – Juve in cui l’unico divertimento è stato vedere i giocatori che in campo cercavano di darsele di santa ragione, tanto che alla fine del primo tempo avrei giurato che non finiva in undici contro undici.
Dopo lo spettacolo del pomeriggio di due squadre super organizzate, è sembrato di vedere una partita di serie B, robetta, personagetti insomma ….
Nota di demerito speciale per Paul Pogba che da quando s’è messo addosso la numero dieci, nun ha accucchiat chiù” una partita decente, tanto che il suo cartellino valutato “trecentomilionidieuro” s’è talmente svalutato che Marotta sta prendendo in considerazione uno scambio col Chievo: Pellissier + Dainelli + 3 Pandoro Paluani con diritto di riscatto se non vengono mangiati a Natale.

Premio Top Player 8^ giornata: Hamsik, Jorginho e Allan
Premio David Sesa per il peggiore in campo: Paul Pogba
Premio “Buttati che è morbido”: Paolo Cannavaro in Sassuolo Lazio.
Premio “San Gennaro è vendicativo”: ai tifosi della Viola che si divertirono a oltraggiarlo l’anno scorso.