0%

Sarnese vs Turris 0-1 – I corallini conquistano l’ottava vittoria in trasferta

Scritto da - Luigi Vitiello il :


Sport

Adv

In tutte le case di Torre Del Greco, la domenica che precede il martedì grasso (Carnevale) prevede un menù tipico più o meno uguale per tutti: lasagna, polpette al sugo, salsiccia e friarielli, dolci a base di chiacchiere e sanguinaccio. Un pranzo a cui nessuno si sognerebbe di rinunciare in “condizioni normali”. Aggiungiamo pure che la tradizione vuole, in presenza di figli piccoli mascherati, il classico giro per le vie del centro storico che ti porta a tornare a casa proprio per l’ora di pranzo. Con queste premesse, la domanda che mi sto ponendo da un paio di giorni e sottoponendo agli amici di sventura che condividono la mia stessa passione (meglio dire malattia?) è la seguente: cosa ci porta realmente ad abbandonare famiglie e tavole imbandite a festa con pranzi regali? Davvero ho difficoltà a spiegarlo in modo razionale e nessuno a cui ho chiesto mi ha fornito una risposta esaustiva.

Non ci sono particolari interessi di classifica, la Turris non potrà mai vincere il campionato, lo spettacolo del calcio di serie D è lontano anni luce da quello che puoi comodamente guardare seduto dalla poltrona del divano. Eppure… eppure è una specie di richiamo, ti ritrovi in auto con gli amici di sempre e quella sciarpetta appesa al collo magari pure digiuno. È il richiamo di quella maglia rossa, più forte di tutto e tutti! Quando poi arrivi nel settore ospiti, ti rendi conto che la malattia è anche abbastanza diffusa: ogni volta finisci per meravigliarti dal gran numero di tifosi affetti dalla tua stessa patologia. Allora pensi al detto “Mal comune, mezzo gaudio” cercando di convincerti, o meglio “ti fai fesso e contento”.
Per la gara odierna la Turris esibisce la nuova divisa sociale stile vintage anni 80 con maglietta rossa e pantaloncini neri, particolarmente apprezzata dai tifosi accorsi allo Squitieri di Sarno.
I corallini centrano la terza vittoria consecutiva, l’ottava in trasferta e si portano a ridosso dei play-off, sconfiggendo la Sarnese per 1-0. Consueto 4-4-2 per gli uomini di mister Baratto, con Perinelli basso a sinistra come unica novità rispetto a domenica scorsa. Sarnese schierata da mister Esposito con un 4-3-1-2.
La Turris parte fortissimo: dopo 2 minuti un tiro di Joof da fuori area colpisce il palo interno e viene successivamente deviato dal portiere. Al quinto minuto gol annullato a Varriale servito da Tedesco per sospetta posizione di fuorigioco. Al minuto 14 nuovo miracolo del portiere locale su conclusione ravvicinata di Improta. Dopo questa fase di predominio assoluto, la Turris rallenta, permettendo alla Sarnese di uscire fuori dal guscio. Non si segnalano azioni pericolose nella fase centrale del primo tempo. Al minuto 44 la Turris passa in vantaggio con Varriale, lesto ad insaccare da pochi passi, su calcio d’angolo.
La ripresa si apre con una Sarnese che moltiplica le forze per cercare di agguantare il pareggio. Si tratta tuttavia di un predominio sterile che non produce azioni significative. I locali collezionano corner e punizioni dalla trequarti ma Abagnale non deve compiere interventi degni di nota. Al minuto 28 ci prova Somma con tiro a giro dopo una bella combinazione con Improta, la palla termina fuori. Al trentaduesimo, in seguito ad una mischia, la Sarnese reclama un rigore per presunto fallo di mano di Salvatore, ma l’arbitro lascia correre. Al minuto 34 un tiro di Schettino dalla destra viene respinto dal portiere Sorrentino. Gli ultimi minuti vedono una Sarnese costantemente all’attacco: ai locali vengono annullate 2 reti per fuorigioco su segnalazione dell’assistente di linea. Dopo 3 minuti di recupero arriva il triplice fischio salutato con un boato dai circa 250 tifosi al seguito della Turris che vengono così ripagati per aver rinunciato al pranzo tipico carnevalesco.
Adesso i play-off distano appena 1 punto. Come on reds…

Sarnese. Sorrentino, Di Finizio, Talia, Della Monica, Nocerino, Mazzei, Tammaro, Langella, Figliolia, Guidelli, Cacciottolo. All. Esposito.
Turris. Abagnale, De Rosa, Perinelli, Joof, Salvatore, Di Girolamo, Somma, Danucci, Improta, Tedesco, Varriale. All. Baratto. Arbitro Kumara di Verona.
Spettatori 400 circa di cui 250 provenienti da Torre Del Greco.