0%

SPIAGGE VENDUTE – SPIAGGE ABBANDONATE (Torre Annunziata)

Scritto da - Luisa Di Paola il :


Attualità

Adv

Siamo a Torre Annunziata, una città paesaggisticamente meravigliosa, ai piedi del Vesuvio con beni archeologici che ci invidiano in tanti, piena di storia e di artisti e musicisti straordinari, piena di potenziale…

Poi c’è LUI: il MARE!
Abbiamo il mare e chilometri di costa, abbiamo spiagge ampie di preziosa sabbia nera.
Abbiamo tutto, ma a Torre Annunziata tutto deve diventare di proprietà di qualcuno per essere curato.
Ed ecco che gli imprenditori diventano i RE della città, prima tenevamo il Re delle farmacie, mo teniamo il Re del “centro medico” !
In questi giorni mi scrive un amico e mi dice: “ma che stanno facendo giù al Mappatella? Ci sono delle ruspe, pare stiano ripulendo la spiaggia, buono no??
OTTIMO!!mappa 2
Se non fosse che la pulizia della spiaggia PUBBLICA sia stata ( guarda caso) gentilmente offerta dal RE di turno che (sempre per caso) ha acquistato per 3 milioncini di €uro lo stabilimento adiacente, lo storico Lido “Santa Lucia”. Fin qui potrebbe anche sembrare tutto normale, ma mi chiedo: è possibile che questo gentile donatore sia riuscito ad ottenere tutti i permessi che richiede una pulizia della spiaggia fatta in questo modo, con tanta facilità e così velocemente? Dove sono gli atti pubblici che consentono questa operazione in un area considerata potenzialmente contaminata che necessiterebbe prima di ogni procedura, di indagini dell’A.R.P.A.C.  per caratterizzare l’ eventuale inquinamento e stabilire quindi le misure adatte alla tutela della salute pubblica?
Non c’è niente!! Solo il Sindaco che ci tranquillizza sui giornali, dicendo che è tutto in regola, ma che bravo !


Poi ci sono posti incantevoli a Torre Annunziata , paesaggi marittimi che sono veri e propri angoli di Paradiso assiduamente frequentati da pescatori, abitanti e coppiette romantiche, come la conca chiamata “Capo Oncino” oncinoche se non fosse per chi la frequenta e per un Comitato cittadino che ne ha cura, sarebbe impraticabile anche nei mesi più caldi.
Purtroppo però nei mesi invernali, lo stato di degrado e l’abbandono di quell’angolo di Paradiso chiamato Oncino sono evidenti e sotto gli occhi di tutti. In questa cartolina ci si arriva scendendo una scala “caratteristica” che porta al mare piena di rifiuti, escrementi e siringhe pericolose, tutto a pochi metri dalla nuova spiaggia del RE, che certo sta facendo una cosa che non può dispiacere agli occhi di un popolo forgiato da questi politicanti di mestiere!
L’imprenditore sarà grato al Sindaco per i permessi ottenuti al volo al volo, come il Sindaco sarà grato a lui per mantenergli ancora gli “equilibri” e la poltrona sotto al culo!!