0%

Staie ccà

Scritto da - Carla Formisano il :


Musica

Adv

Staie ccà“Pullecenella mio, ma comme si’ cagnato… sta maschera nera t’a si levata.
Quanta dulure e quanta suonno d’ajere.
Ce sta chi dice ca nun viene cchiu’
Ma nun è ‘ o vero
Ca io so’ fernuto e allucco pe’ tanto dulore pe’ tanto dulore”
Chi è Pino Daniele?
Chi è?
Non chi era…
Dei grandi artisti, non deve interessarci minimamente la vita privata (a cui Pino in vita terrena teneva molto).
A noi non importa della sua eredità, delle sue storie, dei suoi amori.
Lasciamo alla stampa sciacalla queste notizie…
A noi deve interessare cosa era, cosa è e cosa sarà Pinuccio per Napoli.
Innanzitutto vanto…
Poi amore, amore malinconico per una città dai mille problemi…
Amore “arraggiato”, “scumbinato”, “arripizzato” per una città dai mille colori, per una città “tra l’inferno e il cielo”, per una città dove “‘o sole d’oro che a matina ce ra’ forza” fa da sfondo.
Pinuccio canta le voci di Napoli.
“Saglie saglie” del venditore di agli, “n ‘ zogna n’ zogna” di Fortunato, “che calore che calore” detto, durante “‘a staggione”…
Napoli, terra di libertà, terra di rivoluzione, quella stessa rivoluzione che il musicista ha dato alla musica napoletana.
Pino Daniele non è morto.
C’è solo il rimpianto che alla sua produzione artistica sia stato messo un punto.
Pino Daniele non è morto… è ancora qui.
Lo si vede quando si passeggia per Napoli, lo si vede quando bevi “‘ a tazzulella ‘e café”, lo senti quando vivi “tutta n’ata storia”, “quanno chiove e l’aria s’adda cagnà”, quanndo “schezzechea”, quando “jesce juorno ‘ncopp ‘e suonne e chi non ce sta… “.
Lo vedi tra la gente distratta che viene e va, ma io lo vedo, soprattutto nello stupore di mio figlio di nove anni che ascolta le sue canzoni rimanendo meravigliato ed estasiato.
Pinu’ tu staie ccà!!!
Te voglio bbene… ‘o ssaje.