0%

Turris vs Frattese 1-1 – Vittoria, questa sconosciuta

Scritto da - Luigi Vitiello il :


Sport

Adv

27 Novembre 2016 è la data in cui la Turris ha regalato l’ultima gioia sul campo ai suoi tifosi: 56 giorni trascorsi da allora e ben 7 giornate di campionato durante le quali la pazienza del tifoso è stata veramente messa a dura prova. Prendiamola con ironia… mi piacerebbe fare un’ecografia del fegato a tutti i presenti oggi allo stadio per analizzare e constatarne l’aumento delle dimensioni e il numero delle famose “crocette” presenti su ognuno di essi. Non bastavano le continue delusioni sul campo, negli ultimi tempi si susseguono episodi e notizie volte a destabilizzare l’ambiente societario. Anzitutto la diatriba tra amministrazione comunale e società sulla gestione dell’impianto sportivo, poi le continue voci (puntualmente smentite dagli interessati) su un ipotetico avvicendamento societario. In questo desolante scenario, chi ancora oggi preferisce le fredde gradinate del Liguori con annesso deludente spettacolo, al calduccio del divano di casa, alla braciola con la parmigiana, veramente andrebbe studiato e classificato come caso senza alcuna speranza di guarigione.
Per quanto riguarda la gara odierna, Baratto decide di ritornare al classico 4-4-2: promosso in regia il giovane Joof, sugli esterni Schettino e Tedesco. Tandem d’attacco composto da Improta e Varriale. Di contro la Frattese di mister Di Costanzo (squalificato) si schiera con un prudente 4-4-1-1 con Giacobbe a supporto di Longo.
I primissimi minuti lasciano ben sperare i tifosi di casa: la manovra corallina appare frizzante e briosa. Ci prova al quinto minuto Tedesco con un tiro dalla distanza che termina fuori non di molto. Nella Frattese si mettono subito in evidenza Da Dalt sul versante destro e Longo in attacco che sbuca da tutte le parti. Al minuto 18 la Turris reclama un rigore per fallo di mano di Catalano su colpo di testa di Varriale. Al ventesimo arriva il gol per la Turris: combinazione Improta Varriale che insacca da pochi passi. La Frattese potrebbe subito pareggiare al minuto 24 con Giacobbe che calcia a botta sicura da pochi passi ma Abagnale compie un autentico miracolo. Il primo tempo si conclude con un salvataggio di Somma sulla linea di porta che nega il gol ancora una volta a Giacobbe.
La ripresa si apre con la Turris che ha due grandissime occasioni per raddoppiare e chiudere il match nel giro di un minuto: prima un tiro di Varriale viene respinto sulla linea di porta e sul prosieguo dell’azione ci prova Improta con un nuovo salvataggio sulla linea della retroguardia frattese. In questa fase la Turris sembra controllare agevolmente l’incontro. Al minuto 18 bella azione di Improta che ci prova dal limite dell’area con un tiro a giro che termina di pochissimo fuori alla destra del portiere che sembrava ormai rassegnato al peggio. Nel frattempo Joof cala vistosamente dopo un buon primo tempo e la Frattese conquista metri sul campo. Il pareggio arriva al ventinovesimo con Angelillo con un tiro che si infila tra una selva di gambe e si deposita in rete.
Come al solito, la Turris non ha la forza fisica e mentale per tentare di reagire e far sua la gara. Da segnalare soltanto una bella conclusione al volo di Morella al minuto 35 con palla che termina alta. La partita si trascina stancamente senza particolari occasioni e termina con l’ennesima bordata di fischi all’indirizzo della squadra ma soprattutto di Baratto, che era stato beccato dal pubblico anche in occasione della sostituzione di Improta (tra i migliori) con Tarallo. Ma a questo punto ci chiediamo che senso abbia cambiare la guida tecnica ad una squadra che non nutre alcuna ambizione. Avrebbe senso solo se si cominciasse a programmare qualcosa di importante per l’anno prossimo, ma con le voci che si sentono non c’è certezza di nulla. Ma noi siamo abituati… noi siamo la Turris o meglio la Turris siamo noi… c’è una sostanziale differenza…

FORMAZIONI UFFICIALI:
TURRIS: Abagnale, Gallo, Somma, De Rosa, Maraucci, Di Girolamo, Schettino, Joof, Improta, Tedesco, Varriale. A disp.: Atteo, Perinelli, Morella, Danti, Tarallo, Salvatore, Gazzaneo, Perfetto, Cavaliere. All.: Baratto.

FRATTESE: Rinaldi, Da Dalt, Calvanese, Palumbo, Catalano, Tommasini, Liccardo, Ausiello, Longo, Giacobbe, Angelillo. A disp.: Mascolo, Acampora, Costanzo, Silvestro, Conte, Castellano, Farriciello, Abbatiello, Rossi. All.: Tanzillo.

ARBITRO: Gobbato di Basso Friuli.
Spettatori 700 circa con una 50 di tifosi ospiti