0%

Turris – Pomigliano 3 – 3. Forte contestazione degli ultras corallini

Scritto da - Luigi Vitiello il :


Sport

Adv


Dopo 6 sconfitte consecutive, in un clima di contestazione, la Turris, nell’ultima partita casalinga, rimedia un rocambolesco pareggio per 3-3 nel derby contro il Pomigliano. I ragazzi di Aggregazione Ultras hanno perso la pazienza e non hanno risparmiato nessuno : dai calciatori all’allenatore, passando per Giugliano e Vitaglione. Per tutti l’invito è lo stesso : togliere definitivamente il disturbo. Una stagione iniziata con un entusiasmo alle stelle e finita nel peggiore dei modi. Una città che mai come quest’anno aveva risposto alla grande : 500 abbonamenti e tante sponsorizzazioni. Ancora vivo il colpo d’occhio dei circa 600 corallini presenti a Gragnano per la prima giornata di campionato. Uno striscione degli ultras ad inizio stagione recitava così :” Si alzi il sipario sull’anno del riscatto”. A distanza di 9 mesi, dopo l’ultimo turno casalingo, possiamo tranquillamente affermare che è la fine di un’agonia. Troppe le umiliazioni degli ultimi tempi in termini di risultati, dirigenti dimissionari, aggiungiamo poi che alcuni calciatori lamentano mensilità non corrisposte ed il quadro è tristemente delineato. In questo scenario, non me ne vogliate, devo fare un plauso agli ultras : sono loro i vincitori morali di quest’annata fallimentare, con un comportamento esemplare sempre ed una presenza in tutti gli stadi che hanno visto giocare la Turris, salvo quelle con divieti imposti.
Ricordiamo che nel nostro talk-radio Ogni maledetta domenica, in rete su www.radiochip.it ogni lunedì sera dalle ore 20:30, avremo con noi Vincenzo Calce, dirigente dimissionario della Turris, che proverà a delineare l’attuale situazione societaria e i possibili scenari futuri.
Ritornando alla gara odierna, Baratto da fiducia ai giovani Esempio e Cuomo in difesa, dove ritornano Salvatore e Abagnale dopo il turno di squalifica. A centrocampo De Rosa e Joof con Schettino e Tedesco sulle corsie esterne. Solito tandem in attacco composto da Improta e Varriale. Nei primi minuti è il Pomigliano a fare la partita e ad affacciarsi pericolosamente dalle parti di Abagnale. Gli ospiti passano in vantaggio al sedicesimo con Moracci, che da fuori area lascia partire un tiro che si insacca alle spalle di Abagnale. Tre minuti dopo la Turris potrebbe subito pareggiare grazie ad un errato disimpegno della retroguardia ospite, ma Varriale, tutto solo, tira debolmente tra le braccia del portiere. Al minuto 24 gli ultras lasciano lo stadio : continueranno a cantare e contestare per tutta la durata del match dall’esterno dell’impianto. Al minuto 40 iniziativa individuale di Improta che dribbla e calcia, ma il suo tiro termina di poco fuori.
La ripresa si apre con una Turris più aggressiva alla ricerca del pari, che arriva al decimo con Varriale, che appostato sul secondo palo, insacca di testa su cross di Improta. La Turris si porta in vantaggio al minuto 16 con Schettino che si inserisce in area e sempre di testa insacca su cross di Tedesco. Il Pomigliano però non ci sta e dopo appena 2 minuti ristabilisce la parità. Sembra quasi scritto che la partita debba finire in parità. Al minuto 31 la Turris si riporta nuovamente in vantaggio con Varriale che sigla così la sua personale doppietta. I corallini potrebbero chiuderla in contropiede ma non sfruttano potenziali occasioni e così in pieno recupero arriva il 3-3 del Pomigliano. Gli ospiti possono festeggiare la salvezza con un turno d’anticipo. Domenica prossima la Turris farà visita alla squadra che ha meritatamente vinto questo campionato, la Sicula Leonzio. Poteva essere l’anno della Turris, sappiamo tutti come sono andate le cose… in attesa di tempi migliori… Come on reds.