0%

Turris vs Rende 0-1 – In 9 uomini i corallini cadono solo su rigore

Scritto da - Luigi Vitiello il :


Sport

Adv

Due minuti di follia pura, alla fine del primo tempo, con due espulsioni rimediate da Perinelli, per fallo di reazione, e Joof per reiterate proteste, hanno di fatto consegnato la partita nelle mani del Rende, che col minimo sforzo, nella ripresa, segna su rigore e si limita a gestire il risultato, forte della doppia superiorità numerica. Questa è la brevissima sintesi del pomeriggio trascorso al Liguori dove la Turris rimedia la sesta sconfitta casalinga. Assoluto protagonista della giornata è stato l’arbitro, il signor Monaco di Termoli, con le due espulsioni decretate a fine primo tempo e il rigore fortemente contestato dai giocatori corallini. Da segnalare anche gli allontanamenti di Calce e Vitaglione al termine del primo tempo per proteste. A scanso di equivoci, c’è da dire che appare sacrosanta la prima espulsione ai danni di Perinelli che da terra scalcia un avversario, mentre sembra esagerata quella di Joof per proteste, considerato anche che fino a quel momento la partita era stata correttissima. Che la giornata non promettesse nulla di buono, lo si poteva intuire dall’infortunio rimediato da Danucci in fase di riscaldamento che obbliga Baratto ad apportare delle modifiche alla formazione ancor prima che la gara iniziasse. Così dentro Schettino per Danucci, con De Rosa che ritorna in mediana e Somma che scala sulla linea difensiva. Lo schema rimane il classico 4-4-2 ma con interpreti molto offensivi. Stesso schema di gioco per il Rende agli ordini di mister Trocini. I primi minuti sono caratterizzati da ritmi di gioco molto bassi, per annotare la prima conclusione bisogna attendere il ventesimo minuto, con Varriale che in semi rovesciata sfiora il palo. Minuto 26 cross di Perinelli e colpo di testa debole di Varriale che si spegne tra le braccia del portiere ospite. Dopo un’iniziale fase di studio, la Turris sembra aver preso le misure all’avversario. Al minuto 39 ci prova De Rosa dal limite dell’area, ma la conclusione termina fuori. Al quarantacinquesimo la doppia espulsione di cui abbiamo ampiamente riportato all’inizio. Baratto cerca di correre ai ripari inserendo Gallo e Cavaliere per Varriale e Tedesco con la speranza di mantenere il pareggio. Con la doppia superiorità numerica diventa tutto facile per il Rende che presidia stabilmente la metà campo corallina. Al nono minuto salvataggio sulla linea di Salvatore su colpo di testa di Gigliotti.
Due minuti dopo il contestato rigore per il Rende: uscita scomposta di Abagnale su un giocatore avversario e per l’arbitro non ci sono dubbi ad assegnare il penalty. Della trasformazione si occupa Actis che realizza e porta in vantaggio la squadra calabra. Seppur in 9 uomini, la Turris ha delle fiammate d’orgoglio: Improta e De Rosa ci mettono davvero l’anima senza tuttavia creare grosse occasioni da rete. Il Rende va vicino al raddoppio : al minuto 35 una punizione di Ferreira dai 22 metri si stampa sulla traversa. Nel finale entra anche Tarallo che si rende protagonista di un bel colpo di testa in avvitamento, ma la palla termina abbondantemente fuori. Il Rende espugna il Liguori e rilancia le proprie ambizioni in chiave play-off. La Turris invece si allontana ulteriormente da quello che era l’obiettivo minimo di inizio anno.
Di questo e altro ancora parleremo nel nuovo talk show radiofonico ogni lunedì sera dalle 20:30 che potrete seguire via web sul sito www.radiochip.it.
Vi aspettiamo e come sempre:
Come on reds…

Turris: Abagnale, De Rosa, Perinelli, Joof, Salvatore, Di Girolamo, Somma, Schettino, Improta, Tedesco, Varriale. All. Baratto.
Rende: Spano, Otranto, Manes, Boscaglia, Faraco, Marchio, Gigliotti, Fiore, Vivaqua, Actis, Crispino. All. Trocini.
Arbitro Monaco di Termoli.
Spettatori 800 con sparuta rappresentanza ospite.