0%

Una coccola d’inverno

Scritto da - Elvira Mascolo il :


Cucina

Adv

12279074_1644371989168968_6454297244837260570_nil croccante alle mandorle.
Torrone, croccante o cubaita (nella versione siciliana con l’aggiunta di pistacchi o con semi di sesamo e le bucce di arancia e limone): tre diverse parole per indicare le varianti di un dolce tipico di molte regioni italiane che, protagonista immancabile nelle fiere di paese e sulle nostre tavole durante le feste natalizie, celebra l’incontro fra zucchero e mandorle (queste ultime nel tempo sostituite da altra frutta secca). Di origine antica è una delizia per il palato ma una sfida per i nostri denti: non avendo l’abitudine dei guerrieri Maya che usavano limarsi i denti dandogli una forma aguzza certamente utile alla disintegrazione fulminea del croccante, abbiamo dovuto cimentarci nella suprema arte della ruminanza abbandonandoci ad una masticazione ragionata, quasi introspettiva. Certamente ne gode il gusto conquistato dalla dolcezza dello zucchero prima e dall’amarostico delle mandorle poi e, evitato il dentista, ne guadagna il portafoglio.
Ingredienti:
100 gr di zucchero
200 gr di mandorle
Procedimento: mettiamo le mandorle in forno a tostare per 5 minuti a 150° gradi; versiamo lo zucchero in un pentolino con doppio fondo (va bene anche una padella antiaderente); mettiamo il pentolino sul fuoco a fiamma bassa e facciamo sciogliere mescolando. Quando lo zucchero è ben caramellato e ha acquistato un bel colore ambrato, possiamo aggiungere le mandorle precedentemente tostate: mescoliamo bene e facciamo ricoprire interamente le mandorle dallo zucchero. A questo punto prepariamo due fogli di carta forno e spennelliamoli con un po’ di olio di semi; dopodiché versiamo su uno di essi le mandorle cercando di allargarle il più possibile e diamo forma al croccante con un cucchiaio avendo cura di non lasciare troppo spazio fra le mandorle; poi copriamo le mandorle con l’altro foglio di carta forno, anche questo precedentemente spennellato di olio di semi, schiacciamo delicatamente il croccante prima con le mani e poi con un mattarello di modo che abbia lo spessore di una mandorla. Stacchiamo delicatamente il foglio di carta forno e se occorre aggiustiamo la forma del croccante nei punti eventualmente disuniti. Lasciamo raffreddare qualche minuto e infine tagliamo il croccante prima a strisce e poi a quadrati
Ps: per dare un lieve sapore agrodolce al croccante quando lo versiamo sulla carta forno potremmo aiutarci nel dargli la forma utilizzando un limone tagliato a metà a mò di cucchiaio; in questo modo, mentre diamo la forma al croccante, la dolcezza dello zucchero caramellato e delle mandorle calde assorbirà l’aroma di limone creando un mix di sapori irresistibile.
Buona ruminanza a tutti.